L’Assessore Loredana Capone al Convegno su Ricerca e competitività

514

Intervento d\’apertura della Vicepresidente Loredana Capone nell\’ambito del convegno PON \”Ricerca e competitività\” 2007-2013 – La crisi economica europea e le nuove opportunità di crescita del Mezzogiorno, tenutosi presso le Officine Cantelmo di Lecce. "Una giornata importante quella di ieri perché mette a frutto le azioni sin ora compiute in assoluta sinergia tra Regione Puglia, Ministero della Ricerca e Unione Europea. Una giornata che, soprattutto, mette a frutto i buoni risultati di una Regione che, più di ogni altra in Italia, ha investito sulla ricerca. Si tratta di finanziamenti per ricerca e innovazione alle piccole e medie imprese, si tratta di incentivi per la costituzione di spin off universitari e per il sostegno a imprese innovative. Ma si tratta principalmente di un investimento che viene fatto sui giovani perché non vadano via".
 I dati della Puglia sono chiarissimi e ieri mattina sono stati commentati in maniera autorevole anche dal rappresentate dell'Unione Europea.
"Io sono fortemente convinta – afferma Loredana Capone – che questo segnali un clima di fiducia e un dinamismo che rappresenta un'eccezione tra le regioni meridionali. Non è enfasi ottimistica, significa piuttosto che puntando sull'economia della conoscenza si possono costruire città migliori, inclusive, in cui i giovani abbiano la possibilità di esprimersi e in cui le imprese si rafforzano per essere più competitive. La straordinaria presenza nel nostro territorio di ricercatori salentini che vincono gli start cup regionali, che vincono il premio nazionale nell'innovazione, o che, ancora, costituiscono imprese, sempre finanziate come imprese innovative dalla Regione Puglia, che oggi valgono centinaia di milioni di euro e aprono sedi anche in altri paesi, è la dimostrazione che è dovere di tutte le Istituzioni, siano esse pubbliche o private, crederci e operare affinché si possa ambire a risultati ancora più eccellenti."

"Io credo – conclude Capone – che ci sia per Lecce, e per la Puglia tutta, uno spazio importante di investimento sulla ricerca e sulla sua applicazione e che questo spazio possa riguardare tutti i settori produttivi, da quello primario dell'agroalimentare a quello della meccatronica e dell'aerospazio, a quello dell'hi-tech. E nessuno deve sentirsi scoraggiato perché anche l'artigiano che investe nella ricerca può migliorare i propri processi. Questo significa possibilità di speranza nel successo, ma significa anche sviluppo economico secondo la strategia europea."

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here