GLI ASSI FERROVIARI POTREBBERO FARE LA DIFFERENZA!

456

“Quando si parla d’infrastrutture, ho sempre visto l’area della provincia di Ancona come centrale e, ovviamente, non per questioni campanilistiche, ci mancherebbe altro, ma per una mera speculazione oggettiva: la piattaforma logistica Porto, Aeroporto e Interporto si trova in quest’area!”. Queste le parole dell’assessore alle infrastrutture della Provincia di Ancona Antonio Gitto. “Se noi partiamo da questo assunto incontrovertibile – continua l’assessore Gitto – capiamo bene che una buona parte delle opere, devono, per forza ricadere su questo territorio. Un ipotetico e quanto mai più che auspicabile allungamento del Corridoio Baltico – Adriatico almeno fino ad Ancona, ma meglio ancora fino a Bari, sarebbe quindi di vitale importanza per la piattaforma logistica delle Marche. Ne gioverebbe di sicuro la strategia Macroregionale che,
una volta avviata, coinvolgerà anche gli assi viari est – ovest, mi riferisco alla Fano – Grosseto, anche questa importantissima. Ma, ripeto, è sull’area della provincia di Ancona che risiede il core network della logistica. A questo proposito reputo di importanza strategica il raddoppio in zona della statale 16 che sarà necessario tanto in caso di un prolungamento del BAC che, venendo alle opere in corso, una volta termina la III corsia dell’A14. Peraltro, come sappiamo, il Corridoio Baltico – Adriatico è principalmente un asse fer-roviario e la nostra regione è particolarmente svantaggiata da questo punto di vista. Siamo rimasti tagliati fuori dal progetto “Alta Velocità”
per questioni di scarsezza di traffico, un vero peccato! Il poter mettere mano con investi-menti Ue sulla nostra linea ferroviaria ci permet-terebbe di studiare e ipotizzare anche tutta una serie di progettualità riguardanti lo spostamento a monte dell’odierna linea, a tutto vantaggio delle popolazioni residenti sulla costa e del-l’economia turistica in genere e, perché no, bozzare un progetto di mobilità urbana sosteni-bile con la metropolitana di superficie utilizzan-do, appunto, le vecchie linee”.

The railways axis could  make the difference!
"When we talk about infrastructure, I have always considered the area of the province
of Ancona as central for the objective speculation: the logistical platform port, airport
and Interport located in this area!". These are the words of the Councilor of infrastruc-ture of the province of Ancona, Antonio Gitto. "If we start from this argument– con-tinues Gitto– we know that a great part of
the works, must be necessarily on this ter-ritory. A hypothetical and desirable exten-sion of the Baltic – Adriatic Corridor until Ancona is therefore very important for the logistical platform of the Marche region. It would benefit the Macroregional stra-tegy that, once launched, will invol-ve also the East-West routes, like Fano – Grosseto. Moreover, as we know, the Baltic – Adriatic Corridor is primarily a railway axis and our region it’s particularly disadvantaged about this point of view".

www.ilmaoffshore.it

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here