Incontro della Serracchiani sull’Iniziativa Adriatico-Ionica

561

La presidente della Regione Debora Serracchiani, assieme al presidente del Consiglio Franco Iacop, ha incontrato oggi a Trieste l\’europarlamentare croato Ivan Jakovcic, incaricato dal Parlamento di Strasburgo di preparare il documento sull\’Iniziativa Adriatico-Ionica, la strategia europea per il Sud Europa alla quel partecipa il Friuli Venezia Giulia. L'incontro di oggi, come ha spiegato Jakovcic, rientra
all'interno di un ampio giro d'orizzonte con i rappresentanti dei
Paesi che aderiscono all'Iniziativa Adriatico-Ionica (oltre
all'Italia, ci sono Slovenia, Croazia, Serbia, Montenegro, Bosnia
Erzegovina, Albania e Grecia) e in particolare con le Regioni
italiane coinvolte, per preparare il documento. La prima bozza
dovrà essere pronta in giugno mentre è previsto in autunno il
voto del Parlamento di Strasburgo sulla versione definitiva, che
sarà quindi trasmessa alla Commissione europea.

"Il Friuli Venezia Giulia – ha confermato Debora Serracchiani –
crede fortemente nella strategia Adriatico-Ionica. Occorre adesso
dare gambe al progetto, mettendo sul piatto proposte concrete, in
modo da conquistare i finanziamenti dell'Unione europea".

Ivan Jakovcic ha concordato sulla necessità della "concretezza",
in modo da inserire già nella prima bozza del documento una serie
di progetti specifici di interesse dei Paesi e delle Regioni
aderenti. Per il Friuli Venezia Giulia, come ha confermato oggi
la presidente Serracchiani, le priorità riguardano l'energia, i
trasporti e in particolare quelli marittimi, la ricerca e lo
sviluppo.

Entro maggio, ha assicurato la presidente, sarà consegnato a
Jakovcic il documento con il contributo del Friuli Venezia Giulia
sulla strategia Adriatico-Ionica. Su suggerimento della
presidente Serracchiani, è stato anche concordato un incontro fra
Jakovcic e il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio
Sandro Gozi, a capo dell'unità di missione per le politiche
europee, che ha fra l'altro il compito di coordinare le Regioni
che partecipano alle diverse strategie comunitarie.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here