Stagione turistica alle porte, l’appello di ANIASA: “prenotate per tempo l’auto a noleggio”

1239

Alla vigilia del break di Pasqua, l’Associazione denuncia il perdurare delle difficoltà nell’inserire nuovi veicoli in flotta e invita quanti viaggeranno a prenotare in anticipo

 

Invitiamo i turisti interessati a utilizzare un’auto a noleggio per le proprie vacanze nei giorni di Pasqua a prenotarla tempestivamente. Solo così potranno assicurarsene la disponibilità. Anche quest’anno, infatti, rischia di essere insufficiente il numero di vetture disponibili per la flotta del noleggio a breve termine, alle prese con le limitazioni nelle forniture da parte delle Case automobilistiche da oltre un anno e mezzo”.

È questo l’appello lanciato da ANIASA, l’Associazione che in Confindustria rappresenta i servizi di mobilità in Confindustria.

L’impossibilità di raggiungere un adeguato numero di veicoli in flotta per rispondere alla domanda di mobilità a breve termine continua a rappresentare un serio problema per gli operatori. Lo scorso anno abbiamo inserito nel nostro parco un numero di veicoli pari a quasi la metà di quelli registrati nel 2019”, evidenzia Giuseppe Benincasa, Direttore Generale ANIASA, “un fenomeno causato principalmente da due fattori: la perdurante scarsità di prodotto sul mercato e le politiche commerciali delle Case automobilistiche che continuano a privilegiare altri canali di vendita.”.

“Anche quest’anno alla vigilia della stagione turistica che potrebbe fornire una boccata d’ossigeno agli operatori, ancora lontani dai numeri di noleggi del pre-pandemia”, segnala Benincasa, “ci ritroviamo con una flotta assai meno numerosa di quanto ci si potesse attendere. Lo scorso anno abbiamo sopperito a questa criticità tenendo i veicoli in flotta oltre la canonica durata di 8-10 mesi, ma quest’anno non è possibile seguire la stessa strada, con vetture che hanno raggiunto ormai una permanenza media in parco di oltre 16 mesi. Per sopperire a queste dinamiche gli operatori sono oggi impegnati nella ricerca di nuovi canali di approvvigionamento e stanno volgendo con crescente interesse lo sguardo verso i veicoli dei costruttori cinesi, maggiormente disponibili sul mercato. Un trend in fase di ulteriore consolidamento a causa dell’indecisione sui tempi della transizione energetica, che invece di rafforzare la filiera europea sta registrando un lento ma progressivo allargamento della presenza asiatica”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here