Anconambiente, ecco le cartoline

408

Sono state inviate le 39.135 cartoline indirizzate a tutte le famiglie di Ancona servite con la raccolta differenziata porta a porta, cui corrisponde una posizione Tarsu: come per la precedente fornitura, i cittadini potranno recarsi in uno dei punti vendita affiliati in città per ritirare la dotazione semestrale di sacchetti per la raccolta differenziata di plastica e frazione organica, valida per i mesi da marzo a settembre 2011. Le cartoline danno diritto al ritiro di una fornitura modulata non soltanto sul numero effettivo dei componenti familiari, ma anche sulla tipologia del servizio di raccolta effettuato da AnconAmbiente nella propria via di residenza. Questa iniziativa del Comune di Ancona e di AnconAmbiente, oltre che del Consorzio Intercomunale Conerò Ambiente, vede ad oggi coinvolti sia i grandi gruppi della GDO (Auchan, Carrefour, Coal, Coop Adriatica, Crai, Sma, Sì con te, Tigre e Bilia) sia i piccoli punti vendita, a conferma della natura capillare del progetto.
"Tutte le nostre attività di servizio, comunicazione e informazione – ha dichiarato il presidente di AnconAmbiente, Gianni Giaccaglia – sono ispirate ai principi della condivisione sul territorio. E' in un'ottica di responsabilità condivisa, infatti, che enti locali e società di servizi devono lavorare per accrescere nei cittadini la consapevolezza delle problematiche legate alla raccolta differenziata e alla cultura ambientale. Garantire la fornitura semestrale di sacchetti, avvalendosi della grande e piccola distribuzione, risponde a due finalità importanti per l'azienda: da un lato favorisce la partecipazione di tutti gli attori coinvolti e dall'altro manda ai cittadini il messaggio dell'importanza delle risorse. Disporre senza limiti di sacchetti per la raccolta differenziata ingenera nei cittadini una pericolosa tendenza ad abusare delle risorse senza comprenderne il giusto valore economico e ambientale. Tutte le forniture sono dimensionate su consumi medi ormai attestati e la volontà di AnconAmbiente è anche quella di sensibilizzare a un corretto utilizzo". I 54 supermercati (rispetto ai 47 del 2010) che aderiscono gratuitamente all'iniziativa saranno contraddistinti con vetrofanie esterne e dotati di materiale informativo disponibile all'interno dei punti vendita. Tutta la campagna informativa prevede richiami tradotti in 8 lingue: arabo, albanese, bengalese, cinese, inglese, francese, spagnolo e rumeno.
"Dopo aver raggiunto e superato il 50% di raccolta differenziata nel 2010 – prosegue Giaccaglia – per quest'anno, oltre che traguardare il 60% previsto per legge, il nostro obiettivo è soprattutto quello di sensibilizzare al meglio anche le comunità straniere presenti ad Ancona. La scelta di adottare nel 2011 una campagna pubblicitaria multisoggetto e multilingue, incentrata su messaggi legati ai gesti corretti per una buona raccolta differenziata, non può che confermare l'impegno di non voler escludere nessuno nel raggiungimento del risultato. La lingua straniera non può rappresentare un ostacolo per le esigenze di raccolta differenziata e di decoro urbano della città: ecco perché, anche nella consegna della fornitura di sacchetti, AnconAmbiente ha utilizzato la traduzione multilingua del materiale informativo. Non possiamo pretendere un coinvolgimento dei cittadini se non li mettiamo in condizione di sviluppare un senso di appartenenza e di poter così collaborare concretamente".
Manifesti e volantini saranno disponibili anche presso lo sportello di AnconAmbiente, l'URP del Comune di Ancona e gli altri sportelli informativi cittadini, oltre che nelle Circoscrizioni comunali. La fornitura semestrale dei sacchetti potrà essere ritirata, dietro presentazione della cartolina nominativa, fino al 31 agosto 2011. Delle 38.810 cartoline spedite alle famiglie nel settembre 2010, 25.354 sono state riconsegnate ai supermercati, cioè il 65,3% del totale.
"AnconAmbiente – conclude il presidente Giaccaglia – che con la prima fase del progetto ha avuto la possibilità di mappare analiticamente la fisionomia delle uten¬ze domestiche, acquisendo dati utili per dimensionare al meglio sia la distribuzione dei sacchetti che il servizio, sta ora elaborando un'analisi sociale del territorio per evidenziare alcuni aspetti interessanti e funzionali alla raccolta differenziata. Per noi è sicuramente utile e interessante, non solo sotto il profilo tecnico, ma soprattutto sotto quello sociologico, evidenziare aspetti e tendenze degli utenti nell'usufruire di questo servizio di ritiro della propria fornitura attraverso i supermercati. Incrociando i dati di raccolta differenziata nei singoli quartieri con l'incidenza di consegna delle cartoline da parte dei residenti, sarà possibile trarre deduzioni anche sull'efficacia del progetto in termini di incremento delle percentuali di raccolta. Nessun progetto può dirsi valido se non se ne garantisce un monitoraggio dall'inizio alla fine".

AnconAmbiente here the cards
The cards, about 39,135 addressed to Ancona families have been sent. On the cards there is a specific Tarsu position: as the previous supplying, the citizen could go in one of affiliated sales point, in order to collect an half yearly supply of separated collection bags for plastic and compost wastes, the card is valid from March to September 2011. The cards gives the right to collect a reasonable supply based on the family members and about the type of service made by AnconAmbiente in own dwelling road. This initiative of Ancona and AnconAmbiente today involves or the great groups of Department Store (Auchan, Carrefour, Coal, Coop Adriatica, Crai,Sma, Si con te, Tigre and Billa) or the small sales point. The half yearly supply of the bags could be picked up, after giving of the nominative card, till 31st August 2011. Gianni Giaccaglia, president of AnconAmbiente has declared "The activities of service, marketing, information and education are inspired to the values of the sharing on the territory. It is in the optical of shared responsibility, that the local authorities and service companies must work in order to increase the awareness of the citizens about the problematic linked to the separate waste collection and also at the environmental culture. The whole information campaign will be translated in 8 languages: Arab, Albanian, Bengali, Chinese, English, French, Spanish and Rumanian. After to have caught up and exceed 50% of separate waste collection in 2010 this year, our aim is above all that one to sensitize also the foreign communities that live in Ancona. The choice to adopt in 2011 a multilingual advertising focused on messages linked to the right actions for a good separate wastes collection, can confirm our engage¬ment to involve everybody cooperating in a correct way".

www.anconambiente.it

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here