Giunta approva nuovo regolamento antisismico

533

Procedure più snelle, grazie ad una significativa \’\’sburocratizzazione\’\’ del testo sino ad oggi adottato per le opere edilizie minori: è questo l\’obiettivo del nuovo Regolamento per le costruzioni antisismiche, come sottolinea l\’assessore regionale ai Lavori pubblici Riccardo Riccardi, che il governo del Friuli Venezia Giulia ha approvato in via preliminare.
''Ora il testo riformulato di questo Regolamento, grazie anche all'impegno del mondo delle imprese e delle professioni (ingegneri, architetti, geometri e periti) sarà portato all'attenzione della IV Commissione del Consiglio regionale, per il necessario parere di competenza – sottolinea Riccardi – e potrà quindi essere adottato nel più breve tempo possibile, in maniera formale e definitiva, dalla stessa Giunta regionale''. Attuativo della legge regionale 16 del 2009, il nuovo Regolamento (''Definizione delle tipologie di opere e di edifici di interesse strategico e di quelli che possono assumere rilevanza per le conseguenze di un eventuale collasso, nonché degli interventi su costruzioni esistenti e degli interventi di variante in corso d'opera che assolvono una funzione di limitata importanza statica'') sarà in grado – avendo snellito alcune procedure – di riavviare in Friuli Venezia Giulia tutta una serie di opere di fatto bloccate dalla precedente normativa. Sarà pertanto ''immediatamente operativo'', osserva l'assessore, il giorno successivo alla sua pubblicazione sul BUR, Bollettino Ufficiale della Regione. Il testo riformulato, facendo comunque salve tutte quelle disposizioni legate agli edifici considerati ''d'interesse strategico'' o ''rilevanti in caso di collasso'', con la conseguente stretta osservanza di rigorosi controlli, doverosi ed ovvi per un'area come quella regionale più volte colpita da eventi sismici anche gravi, fissa invece diverse e meno stringenti norme per le opere che possono essere ritenute di limitata importanza statica, con possibile meno impatto sulla popolazione in caso di scosse telluriche. ''Restiamo ovviamente in attesa del parere che la competente Commissione consiliare darà del Regolamento – sottolinea l'assessore Riccardi – ma siamo convinti della bontà di questo nuovo strumento che potrà sbloccare, come segnalato dal sistema regionale delle costruzioni, numerosi cantieri, soprattutto piccoli, in tutto il Friuli Venezia Giulia''.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here