Caro Babbo Natale…

462

Sarebbe bello se fosse possibile anche per noi adulti scrivere una letterina a Babbo Natale… avrebbe un duplice risultato: ottenere i regali sperati e ovviamente richiesti, ma, cosa ancora più importante per il mondo degli adulti, l’impegno a migliorarsi (i bambini dicono… ad essere più buoni), cioè tutti quei buoni propositi e quelle promesse che si fanno a Babbo Natale, in cui si riconoscono i propri errori e si auspica di poterli non ripetere.

E quante promesse dovrebbe fare questo mondo di adulti a Babbo Natale!!! Stiamo per mettere in archivio questo 2009, annus horribilis, come direbbe Sua Maestà la regina Elisabetta II. Certo non era nemmeno immaginabile un anno così, ma forse… in un modo o nell’altro, tra uno scossone e un altro… si poteva fare di più, invece di aspettare l’onda che ci avrebbe travolti. Credo che ognuno, in cuor suo, sa di non avere fatto abbastanza. E proprio per questo, tra una promessa (sempre in questo nostro sogno di poter scrivere una letterina a Babbo Natale) e uno sguardo al futuro che incalza, rappresentato dal 2010 che sta arrivando, dovremmo approfittare di queste festività di fine anno per la consueta pausa di riflessione. Dove siamo stati carenti, dove abbiamo esagerato, dove possiamo migliorare, dove possiamo inserirci per dare il nostro contributo a un mondo che cambia velocemente e al quale volenti o nolenti dobbiamo abituarci. Individuare tutte le “armi” e le possibilità che abbiamo per cavalcare l’onda, riuscendo contemporaneamente a dare il meglio per migliorare questa società, da qualsiasi punto di vista la si guardi. Inutile recriminare su chi si è comportato male con noi, inutile addossare tutte le colpe a chi è venuto prima di noi: dobbiamo qualcosa alle generazioni future e credo che, magari, tirando fuori un po’ di orgoglio, potrebbe anche farci piacere il pensare di essere ricordati come quelli che hanno rivoluzionato questo mondo, cambiandolo in meglio…

Dear Santa Claus…
It would be beautiful if were possible also for adults to write a letter to Santa Claus…it would have a double result: to obtain wished gifts and obviously required, but, more important things for the world of the adults, the engagement to improve oneself (the children say… to being better), that is all good purposes and those promises that are made to Santa Claus, in which own errors acknowledge are recognized and wish to not repeat them . And how many promises would have to make this world of adults to Santa Claus! Certainly an year so bad was not even imaginable, but perhaps… in a way or in the other, between a jolt and an other… it could be made more, instead to wait the wave that would have swept up us. I believe that everyone, knows to haven’t made enough. For this reason, between a promise and a overview to the near future, represented from 2010 that is arriving, we should have to profit of this festivity of year-end for the usual pause of reflection. Where we have been devoid, where we have exaggerated, or where can improve, where we can insert to give our contribution to a world that is changing and to which whether you like it or not we must accustom.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here